• +39 0492616545
  • info@puntoventi.it

Cos’è il marketing collaborativo?

Gabriele 2 commenti

Nell’era degli influencer, degli ambassador e dei social media sta prendendo sempre più piede una nuova forma di pubblicità: il marketing collaborativo. In realtà non è qualcosa di particolarmente innovativo, si tratta infatti di una revisione in chiave moderna del passaparola che, nell’era digitale, diventa word of mouth e attraverso community dedicate contribuisce alla notorietà e al successo di un brand.

Queste community comprendono migliaia di utenti disponibili a conoscere, testare e promuovere prodotti in anteprima e contribuire al miglioramento del concept di prodotto attraverso feedback alle aziende. Per l’utente/tester il vantaggio è evidente: ricevere gratuitamente prodotti che non sono ancora sul mercato, provarli e vivere un’esperienza da ambassador, oltre che, nel caso di prodotti tecnologici in particolare, avere la possibilità di trattenere il prodotto a fine prova ad un prezzo ribassato anche del 70%. Per l’azienda che attua una comunicazione di questo genere i vantaggi possono essere molteplici ma soprattutto può essere alto il ritorno di investimento.

Il cambio di prospettiva per le aziende è chiaro, il consumatore non è più solo al centro delle strategie di marketing ma diventa protagonista di esse, portando il suo contributo attivo al successo del prodotto. Ovviamente la strategia deve essere guidata e i propri tester devono essere scelti adeguatamente per rispondere al meglio agli obiettivi della campagna. Perché proprio di una campagna si tratta, con obiettivi e fasi ben definiti. Una volta stabiliti gli obiettivi si profilano gli utenti da coinvolgere e, attraverso le community gestite da abili profilatori, si va a definire il proprio team. Una volta spiegato al gruppo il progetto e inviato il “kit” (prodotti, codici o tester) all’azienda non resta che osservare l’andamento del progetto.

Il progetto ovviamente comprende una fase di promozione dell’adesione al percorso da parte degli utenti che così, attraverso post social, video e recensioni, daranno visibilità al brand, ma bisogna fare anche attenzione ed essere consapevoli dei propri limiti: i feedback sono pubblici e le aziende devono essere pronte ad accettare qualsiasi tipo di “ritorno” anche perché proprio su questo si basa il marketing collaborativo. La profilazione degli utenti è perciò fondamentale anche per “governare” al meglio il raggiungimento dell’obiettivo, bisogna saper scegliere bene i protagonisti del proprio marketing. Questo nuovo approccio va oltre la capacità di promozione di un influencer in quanto l’utente è chiamato a divenire un marketing assistant, ovvero a gestire una parte del processo che va dall’immissione sul mercato del prodotto, alla promozione e commercializzazione ma anche all’eventuale modifica/cambiamento/miglioramento di esso.

Trnd, una delle azienda leader di riferimento del marketing collaborativo, ha stilato i 10 punti fondamentali di questo approccio:

  • Ascolta i tuoi consumatori. E poi ascoltali di nuovo.
  • Scopri il potenziale nascosto dei tuoi consumatori.
  • Collabora con i tuoi consumatori e non aver paura delle loro opinioni.
  • Impara dai consumatori come migliorare i tuoi prodotti.
  • Sviluppa nuovi prodotti non soltanto per i consumatori, ma insieme a loro.
  • Sii leale con i tuoi consumatori e loro saranno leali con il tuo brand.
  • Motiva i consumatori a diventare la tua squadra di Assistenti Marketing.
  • Affida la comunicazione ai tuoi consumatori.
  • Includi i consumatori nella tua struttura aziendale e lavora in sinergia con loro.
  • Ricorda sempre che il consumatore è la tua risorsa più preziosa.

Ancora una volta cambiano i tempi ma sempre più è il nostro cliente a diventare chiave di volta del successo di un brand e questo nuovo passaggio diventa fondamentale nella trasformazione del concetto di pubblicità sempre meno commercial, ancora un po’ storytelling ma sempre più storydoing.

2 Comments

ermanno montobbio

Dicembre 1, 2018 at 6:28 pm

a me sembra che in qualche vs passaggio ,confondiate marketing con comunicazione!
Quando anni fa e’ uscito il termine “marketing” si intendeva lo studio della soddisfazione dei bisogni ! negli anni ‘80 con marketing si e’ inteso la “ scienza che crea nuovi bisogni” perché in realta’ i consumatori hanno già tutto! La comunicazione, con opinion leader, con
cartaceo,con web o social e’ invece la modalita’ per raggiungere i diversi targhet! siete d’accordo ? buon lavoro ! siete bravissimi! sono in pensione e vivo…di ricordi ! ciao

    Gabriele

    Dicembre 4, 2018 at 11:26 am

    Buongiorno Ermanno,
    grazie per il tuo commento! Da sempre comunicazione e marketing vanno a braccetto e nell’era del digitale, con i tanti strumenti a disposizione, la prima ha un po’ oscurato il secondo. È vero che sono due concetti complementari e che spesso vengono confusi tra di loro ma quando si parla di marketing collaborativo si intrecciano l’uno a supporto dell’altro. Fare marketing e comunicazione è sempre più impegnativo, bisogna saper dosare bene gli ingredienti per riuscire ad emergere, soprattutto nella giungla digitale!
    Buona giornata!
    Lo staff di Puntoventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter

Il meglio del nostro blog

I dati richiesti verranno trattati nell’assoluto rispetto delle disposizioni contenute nel decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e sue successive modificazioni ed integrazioni e del Regolamento Ue 2016/679

Seguici su Instagram

Something is wrong.
Instagram token error.
Load More

È nata Puntoventi, un nuovo approccio alla comunicazione

Facci sapere che cosa possiamo fare per te